Sala dei Frammenti

La volta di questa sala, organizzata su due livelli, è il probabile risultato dell'accorpamento di due camere contigue: ciò che oggi si vede, due scene frammentarie, appare chiaramente quale risultato del bisticcio tra pittore e committente.

Sul lato rivolto verso Strada Nuova si individua un primo frammento raffigurante una donna che tiene un timone e un boma con una vela gonfiata dal vento; un secondo frammento rappresenta invece un tritone con in mano un grande stendardo bianco e rosso, forse lo stemma crociato della Repubblica di Genova. Tra i due brani di affresco si evidenzia una notevole diversità d'esecuzione: la figura femminile ben ricalca i moduli compositivi e fisiognomici dello Strozzi mentre il tritone, per "la potenza muscolare del torso ed il modellato più denso e compatto", ha portato la Newcome a ipotizzare l'intervento di un seconda mano. Le lunette sono decorate con motivi vegetali e naturali forse opera del paesaggista nordico Goffredo Waals, subaffittuario in quegli anni dello Strozzi nella dimora che il pittore genovese aveva a sua volta preso in affitto, in san Siro, dai Centurione.

Sul lato verso il vicolo è stato ritrovato un piccolo 'pregadio' con decori rococò, probabilmente ricavato nella parete in occasione degli interventi settecenteschi.

 I dipinti murali del primo piano nobile. (Stella Boj, Giacomo Causa)

 


Bernardo Strozzi, sala Frammenti, volta.

Questo sito utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito, altri ci aiutano a migliorare l’esperienza degli utenti Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Per saperne di più leggi la pagina del sito dedicata alla privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito web.

EU Cookie Directive Module Information